Salta al contenuto principale Vai al contenuto del piè di pagina

Area Urbanistica, Edilizia Residenziale Pubblica e Convenzionata

Dettagli

Strumenti urbanistici ed edilizia residenziale pubblica, Ambiente

Competenze

  • Urbanistica
  • Edilizia pubblica e convenzionata ( P.I.P. e P.E.E.P.)
  • Ambiente

Tipo di organizzazione

area

Servizi offerti

Piano di classificazione acustica

Il piano comunale di classificazione acustica contiene la classificazione acustica del territorio che, nel rispetto delle indicazioni di cui all’Allegato 1 del D.P.G.R. n. 2/R del 08/01/2014, individua zone acusticamente omogenee all’interno del territorio comunale e assegna le classi di destinazione d’uso del territorio con i relativi valori limite di cui all’articolo 1 del D.P.C.M. 14 novembre 1997.

Abbattimento piante

Le norme per la tutela del patrimonio arboreo presente sul territorio comunale sono inserite nel Regolamento edilizio comunale (art. 64).

Abbruciamento residui vegetali - Chiarimenti

Dal 1° luglio al il 31 agosto (salvo proroghe) sono vietati su tutto il territorio regionale gli abbruciamenti di residui vegetali.

Accertamento di conformità in sanatoria

Come previsto dall'art. 209 della L.R. 65/2014 l’avente titolo può ottenere la sanatoria edilizia, a condizione che l’intervento realizzato risulti conforme alla disciplina urbanistica sia al momento della realizzazione dello stesso, sia al momento della presentazione della domanda.

Accesso agli atti

l diritto di accesso agli atti può essere esercitato in via informale presentando richiesta, anche verbale, all'amministrazione che ha prodotto il documento o che lo detiene stabilmente; tale richiesta deve contenere gli estremi del documento oggetto della richiesta ovvero gli elementi che ne consentano l'identificazione.

Acustica - Attività rumorosa temporanea

E' definita “attività temporanea” qualsiasi attività a carattere temporaneo con ubicazione fissa o variabile, che si svolga in luogo pubblico o aperto al pubblico, per le quali sia previsto l’utilizzo di sorgenti sonore (amplificate e non) o per le quali è possibile comunque prevedere la produzione di elevati livelli di rumore.

Albo professionisti - urbanistica ed edilizia

Si tratta di un Albo di professionisti qualificati per affidamenti di servizi di architettura, ingegneria, geologia ed affini, necessari per lo svolgimento di attività istituzionali dell’Ente in materia di urbanistico-edilizia, di importo inferiore a 100.000,00 euro

Autorizzazione allo scarico acque reflue e industriali e acque meteoriche contaminate

Tutti gli scarichi di acque reflue industriali e di acque meteoriche contaminate devono essere autorizzati, con formale atto rilasciato ai sensi dell'articolo 124 del d.lgs. n. 152/2006 e ss.mm.ii.

Autorizzazione allo scarico fuori fognatura acque reflue domestiche e assimilate

Tutti gli scarichi di acque reflue domestiche che non recapitano in pubblica fognatura devono essere autorizzati, con formale atto rilasciato ai sensi dell'articolo 124 del d.lgs. n. 152/2006 e ss.mm.ii.

Autorizzazione generale alle emissioni in atmosfera

L'autorizzazione in via generale alle emissioni in atmosfera è riferito alle emissioni prodotte dagli impianti e dalle attività definiti dal Decreto legislativo 152/2006 art. 272 ed elencati alla Parte II dell'Allegato IV alla Parte V del medesimo decreto.

Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.)

L'Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) è il provvedimento che autorizza l'esercizio di un impianto in cui si svolgono una o più attività dell'elenco all'allegato VIII della Parte II, Titolo III – bis al Decreto Legislativo n.152 del 2006.  La norma prevede misure finalizzate ad evitare e/o comunque ridurre le emissioni delle attività nell'aria, nell'acqua e nel suolo, comprese le misure relative ai rifiuti, per conseguire un livello elevato di protezione dell'ambiente nel suo complesso.

Autorizzazione ordinaria alle emissioni in atmosfera

Gli impianti che producono emissioni in atmosfera sono soggetti al rilascio di apposita autorizzazione alle emissioni, ai sensi dell'art. 269 del d.lgs. n. 152/2006.

Autorizzazione ordinaria attività gestione rifiuti

I soggetti che intendono svolgere attività di gestione rifiuti, attraverso la realizzazione e gestione di un nuovo impianto di smaltimento e/o recupero rifiuti oppure per modifiche sostanziali ad impianti esistenti devono presentare apposita domanda di autorizzazione ai sensi dell'art. 208 / 210 del d.lgs. n. 152/2006.

Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A)

Il D.P.R. n. 59/2013 detta la disciplina in materia di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) e la semplificazione degli adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie imprese (PMI) e sulle attività produttive non soggette ad autorizzazione integrata ambientale (AIA) e alla valutazione di impatto ambientale (VIA), laddove il procedimento coinvolga già gli aspetti ambientali di seguito indicati.

Catasto incendi

Il Comune di San Casciano in Val di Pesa, in base a quanto stabilito dall'art. 10 della legge n. 353/2000 e dall'art. 75 bis della legge Regione Toscana n. 39/2000 aggiorna annualmente, previa pubblicazione all'albo pretorio online, il Catasto Incendi Boschivi, composto dalle aree che sono state interessate da incendi e sulle quali insistono i divieti e le prescrizioni sanciti dalla vigente disciplina.

Certificato di destinazione urbanistica

Il Certificato di Destinazione Urbanistica (in breve CDU) è un certificato che viene rilasciato dall’Ufficio Tecnico Comunale competente avente la finalità di accertare la destinazione urbanistica e i parametri urbanistici dell’immobile per il quale questo è stato richiesto.

Certificazione EMAS

Certificazione del Sistema di Gestione Ambientale del Comune

Colonie feline

I gatti liberi che vivono nel territorio del comune di San Casciano in Val di pesa sono tutelati dall'Amministrazione Comunale che, in convenzione con associazioni di volontariato e ASL veterinaria, si occupa del riconoscimento e gestione delle colonie feline.

Comunicazione gestione rifiuti in procedura semplificata

Tutti i soggetti che intendano svolgere attività di recupero rifiuti così come previsto da D.M 5 febbraio 1998 e s.m.i. o dal D.M. 161/2002 e ne posseggano le caratteristiche sono tenuti a presentare una comunicazione ai sensi degli artt. 215 e 216 del d.lgs. n. 152/2006.

Comunicazione spandimento acque di vegetazione e sanse umide

L'utilizzazione agronomica delle acque di vegetazione dei frantoi oleari e lo spandimento delle sanse umide è subordinata alla preventiva comunicazione, trasmessa dal legale rappresentante dell'azienda che produce le acque destinate all'utilizzazione agronomica, per via telematica al SUAP del Comune in cui ricade il sito di spandimento, almeno 30 giorni prima dell'inizio delle attività di utilizzazione

Diritti segreteria urbanistica

Per la presentazione di pratiche edilizie, urbanistiche e ambientali occorre procedere al pagamento dei diritti di segreteria, in base alle tariffe indicate nell’Allegato.

Ecocentro, EcoTappe, EcoFurogni e Centro del Riuso - Canciulle

ECOCENTRO CANCIULLE - Centro di raccolta Canciulle Via Cassia per Siena n. 27
Il servizio a Canciulle è GRATUITO.

PEEP – richiesta determinazione corrispettivo per rimozione vincoli

I vincoli relativi alla determinazione del prezzo massimo di cessione nonché del canone massimo di locazione delle, contenuti nelle convenzioni di cui all'articolo 35 della legge 22 ottobre 1971, n. 865 possono essere rimossi

PEEP – richiesta determinazione corrispettivo trasformazione in proprietà

 
In base all'art. 31 comma 45 della Legge 23 dicembre 1998, n. 448, le aree comprese nei P.E.E.P. già concesse in diritto di superficie dal Comune ai sensi della L. 865/1971 possono essere cedute in proprietà, previo pagamento di un corrispettivo determinato dal Comune ai sensi del comma 48 dell'art. 31 L. 448/1998

Permesso di Costruire

La richiesta di permesso di costruire è dovuta per gli interventi di trasformazione urbanistico-edilizia indicati all'art. 134 della L.R. 65/2014.

Piani attuativi

Il Capo II Sezione I, II e III della LR 65/2014 e s.m.i disciplina le diverse tipologie di Piani Attuativi. Sono strumenti di pianificazione urbanistica di dettaglio attraverso i quali si attuano le previsioni del Piano Operativo

PIP – richiesta determinazione corrispettivo trasformazione in proprietà

I Comuni possano cedere in proprietà le aree già concesse in diritto di superficie nell'ambito dei piani delle aree destinate a insediamenti produttivi di cui all'articolo 27 della legge 22 ottobre 1971, n. 865

Programma comunale degli impianti di radiocomunicazione

 L’art. 8 della L.R.T. 6 ottobre 2011, n. 49 prevede che i Comuni provvedano all’elaborazione ed approvazione del Programma comunale degli impianti, quale strumento per definire la localizzazione delle strutture per l’installazione degli impianti, sulla base della proposta dei programmi  di sviluppo presentati, entro il 31 ottobre di ogni anno, dai gestori delle comunicazioni.

Ritiro rifiuti ingombranti

Servizio a richiesta per il ritiro dei rifiuti ingombranti davanti al proprio numero civico

Terre e Rocce da scavo - Produzione e modalità di riutilizzo

Con il termine terre e rocce da scavo si fa riferimento al suolo scavato derivante da attività finalizzate alla realizzazione di un’opera.

Valutazione Impatto Ambientale (V.I.A.)

La valutazione di impatto ambientale (V.I.A) è una procedura amministrativa che deve essere effettuata dalla pubblica amministrazione, nei casi previsti dalla legge, per individuare, descrivere e valutare gli impatti ambientali di un'opera, il cui progetto è sottoposto ad approvazione o autorizzazione.

Zanzara Tigre e Processionaria

Il problema relativo alla diffusione delle zanzare e delle processionarie sul nostro territorio non si risolve solo con gli interventi che il Comune attua nelle aree di sua competenza, vale a dire quelle pubbliche.

Per questo motivo diventa essenziale che i cittadini si attivino nelle proprie aree, supportando con accorgimenti, comportamenti virtuosi  e azioni preventive  gli interventi che l’amministrazione comunale esegue periodicamente in aree di sua competenza (fogne, caditoie, giardini pubblici), che escludono le aree private sulle quali nessuna amministrazione pubblica può essere competente.
Ultimo aggiornamento:

30/01/2024, 12:33